Uno dei più dinamici aeroporti d'Italia l'aeroporto di Bergamo-Orio al Serio (BGY), conosciuto anche come Milano-Orio al Serio, è diventato il terzo aeroporto della Lombardia per dimensioni e traffico, dopo i due aeroporti milanesi di Linate e Fiumicino. Lo scalo bergamasco situato nel comune di Orio al Serio dista da Bergamo circa 5 km e da Milano circa 45 km ed è facilmente raggiungibile grazie ad ottimi collegamenti su strada e treno.

L'aeroporto di Bergamo - Orio al Serio nasce nel 1937 come aeroporto militare, e fu il primo scalo nella provincia. Nel 1949 istituti bancari, istituzioni e gruppi commerciali locali, costituirono un comitato per dotare la provincia di Bergamo di un aeroporto civile. Tuttavia solo il 16 luglio 1970, quando venne costituita la SACBO, Società per l’Aeroporto Civile di Bergamo – Orio al Serio, all’uso militare dell’aeroporto di Orio si aggiunse l'attività civile, con il primo volo commerciale il 21 marzo 1972.

Dopo una partenza incerta durata un ventennio, verso la fine degli anni '90 l'aeroporto di Orio al Serio ha conosciuto una vera di rinascita. L'aeroporto diventa da nazionale ad internazionale. La sua posizione strategica facilità uno sviluppo imponente al centro di un'area tra le più floride d'Europa. Nel 2001 l'ulteriore svolta, l’aeroporto ottiene la Certificazione di Qualità del settore passeggeri e cattura l’attenzione delle compagnie aeree a basso costo (low cost) che rivoluzioneranno in quegli anno il traffico aereo, in particolare di Ryanair.  Da questo momento di assiste a un aumento esponenziale del traffico tanto che nel 2003 raggiunge il record annuale di 2.844.379 passeggeri, posizionandosi al 7° posto della classifica degli aeroporti italiani in termini di unità di traffico, mentre nel 2005 lo scalo si posiziona al quinto posto. Nel settore Cargo, da diversi anni lo scalo bergamasco consolida saldamente la propria posizione come 3° scalo italiano per volume di merce trasportata.

L’Aeroporto di Bergamo Orio al Serio ha chiuso il 2006 con un incremento del traffico passeggeri del 20,4% rispetto al 2005.